accounting@digitalforindustry.com

Success Cases

Monitoraggio problemi e soluzioni

Strategy 4.0

 

Per la definizione di un piano di sviluppo strategico sia online che offline è necessario partire da un’analisi della situazione esistente dell’azienda, fornendo una fotografia sullo stato attuale, che serve come base di partenza per la creazione di un percorso strategico in chiave 4.0.

Dalla valutazione dello scenario iniziale sarà possibile comprendere quali sono le azioni da implementare, siano esse relative allo sviluppo del business, al miglioramento della produzione, all’ottimizzazione dei costi o all’ammodernamento dei sistemi informativi aziendali

Una volta definito l’ecosistema interno verrà fatta un’analisi sul settore di riferimento in cui opera l’azienda facendo un benchmark con i principali competitor e individuando i trend di sviluppo e le tecnologie più idonee che potrebbero essere utili alle azioni di implementare.

A supporto delle attività verrà redatto un business plan / business case che rappresenterà gli impatti economici e permetterà al management di prendere le corrette decisioni. A valle di tale processo, una volta validata la strategia,  Digital for Industry ne seguirà l’effettiva implementazione per ottimizzare gli investimenti da parte dell’azienda e garantire il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Monitoraggio Retail

Business Intelligence

In mercati complessi dove trends e comportamenti di consumo cambiano sempre più rapidamente, la raccolta di informazioni ed il monitoraggio dei Key performance indicators attraverso l’uso di tools 4.0, diventa un vantaggio strategico.

La Business Intelligence (BI) consente all’impresa di analizzare la performance nelle sue dimensioni principali – consumatori e abitudini di acquisto, contesti di mercato e canali di vendita, assortimenti, risorse e strategie – dando vita a processi decisionali più consapevoli, efficienti e tempestivi. La duttilità del tool, che si basa su tecnologie 4.0 e offre livelli di dettaglio personalizzabili, consente di applicarlo con efficacia ad un ampio range di settori e tipologie di organizzazioni.

In quest’ottica, è stato finalizzato uno strumento di commerce intelligence intuitivo, veloce e easy to use che consente di acquisire e correlare dati approfonditi da fonti multiple, semplificandone la lettura e aumentando la capacità di prendere decisioni rapide, di identificare le azioni in grado di migliorare i risultati e misurarne l’efficacia. Con un click è possibile tenere sotto controllo l’andamento giornaliero, settimanale, mensile delle attività di marketing e di vendita.

Monitoraggio Produzione

Digitalizzazione Supply Chain

 

Dalla raccolta dei dati e dalla conseguente analisi, sia nella gestione completa dei processi di produzione che nella gestione degli approvvigionamenti, emergono le criticità e le opportunità di miglioramento relative alla supply chain.

I tool creati permettono di verificare le prestazioni dell’organizzazione e la risposta alle scelte organizzative strategiche, le variazioni nel tempo e l’andamento dei risultati rispetto agli obiettivi previsti. Il monitoraggio della produzione consente di verificare in tempo reale ogni fase del ciclo produttivo e di intervenire, sempre in tempo reale sul funzionamento di ogni dispositivo per ottimizzare l’output del sistema stesso.

Case Study - Progetto integrato di Digital Strategy

TFM Group

Settore e dimensioni aziendali
Azienda manifatturiera nel settore automotive e industry con clienti quali Continental, Bosch, Campagnolo, ZF. Fatturato 62 mil di euro, 630 dipendenti, 8 stabilimenti, 273 macchine.


Intervento attuato
E’ stata effettuata un’analisi per conoscere il livello di digitalizzazione aziendale e definita, di conseguenza, la road map di TFM Group 2018 -2021.

Nel 2018 il progetto integrato ha visto l’avvio di:

  • introduzione di un nuovo ERP
  • introduzione di specifico software per il controllo della produzione e della qualità in tempo reale
  • il monitoraggio dei consumi con sensoristica e piattaforma per l’efficienza energetica
  • il collegamento degli impianti e l’interconnessione del sistema operativo e delle macchine, secondo il modello 4.0
  • la raccolta dei dati e l’utilizzo di Kpi evoluti quali l’OEE

Nel 2019 sono stati avviati progetti per:

  • il retroffitting e aggiornamento delle macchine
  • l’introduzione di metodologie di Business Intelligence: data analytics e preditctive analysis


Risultati ottenuti

  • la roadmap e i progetti integrati di Digital Strategy 4.0 hanno ottenuto i seguenti riconoscimenti:
  • Gennaio 2019 Continental: totale apprezzamento nell’ambito dei 5 pilot audit Industry 4.0 critical supplychain in Europa
  • Febbraio 2019 PricewaterhouseCoopers SpA: attestazione di eccellenza nell’adesione ai criteri del Piano industria 4.0 e dell’iperammortamento
  • 28 Marzo 2019, MECSPE Premio per l’innovazione nel “Contest Solution Award 4.0 di MECSPE”

 

  • L’azienda, inoltre, ha già ottenuto i seguenti vantaggi:
  • raccolta dei dati dalle macchine connesse in seguito al caricamento in macchina di un part-program associato a una fase di lavorazione di un ordine di produzione;
  • calcolo dei KPI di produzione (OEE nella ver.1.0), la memorizzazione in un DB di serie temporali dei dati di diagnostica del macchinario e la presentazione degli stessi su dashboard;
  • Il sistema ha pianificato allarmi in seguito al superamento di soglie configurabili (ver. 1.0 solo OEE);
  • La soluzione ha previsto tre tipologie di Dashboard: bordo macchina, logistica, direzionale.
Case Study - Elisabetta Franchi

FiloBlu

Settore e dimensioni aziendali
Marchio di moda italiano. Il Retail Network di Elisabetta Franchi comprende oggi 80 Boutiques monomarca, 26 Show Rooms, 1103 multi-brand Stores e 11 Agenzie PR ed è presente in 65 paesi.

Intervento attuato
Nel 2015, l’avvio della collaborazione tra il brand e FiloBlu vieni sancito dalla messa online del nuovo sito, una esperienza di shopping tutta nuova su Magento 1 EE con focus sul mercato italiano.
Nei due anni successivi, c’è stata una focalizzazione sulla definizione di una strategia di vendita e di marketing capace di far crescere il business online nei paesi dell’est Europa, attraverso la gestione multi-stock dei magazzini per la disponibilità real-time dei prodotti sia dell’e-commerce che dei negozi fisici, nonché l’integrazione dello shop online con la suite di Business Intelligence di FiloBlu, la Commerce Intelligence.
Nel 2018 è stato creato un nuovo sito per il marchio Elisabetta Franchi con l’obiettivo di spingere sull’acceleratore dell’internazionalizzazione. Realizzato su piattaforma e-commerce Magento 2 EE, vede l’integrazione di innovative funzionalità per l’aumento dell’engagement degli utenti con attività di clusterizzazione clienti avanzate. É stata inoltre ottimizzata l’integrazione tra e-commerce e negozi fisici e ampliata l’offerta, in un servizio sempre più su misura.

Risultati ottenuti
La piattaforma e-commerce ha registrato una crescita importante negli ultimi 4 anni, diventando uno dei principali canali di vendita e d’immagine della Maison. Il nuovo web-site garantisce una user-experience di alto livello. Un’altra novità interessante riguarda l’apertura delle vendite al mercato americano.

Case Study - Industria Manufatturiera

Gruppo Euris

Settore e dimensioni aziendali
Azienda leader nella componentistica per i settori Automotive e Industry con fatturato superiore a 40 mln.

Intervento attuato
Installazione di un sistema MOM in grado di connettere gli impianti in produzione per rendere disponibili i dati alle applicazioni che lo necessitavano. Il MOM (aggregatore di applicazioni) è un’architettura che permette di recuperare i dati dalle varie applicazioni aziendali e dai macchinari dell’azienda, di normalizzarle, di aggregarle e renderle disponibili all’ERP, piuttosto che alla BI piuttosto che agli operatori di fabbrica per le loro valutazioni. L’architettura è in grado di veicolare i dati raccolti al cloud per le elaborazioni necessarie al machine learning. Il MOM ha già avuto modo di essere certificato per l’iperammortamento. L’esigenza era quella di un prodotto flessibile e versatile che si integrasse con i sistemi presenti in azienda e con quelli in divenire. Obiettivo valorizzare gli investimenti già fatti in tecnologia e in strumenti aziendali, non ultimo il collegamento di tutti i macchinari acquistati in regime di iperammortamento e quelli già presenti in azienda. La Soluzione: è stata la creazione di una architettura orizzontale che si potesse integrare con flessibilità con i processi della supply chain aziendale. É stata utilizzata una aggregazione di prodotti “No Vendor Lock In” sotto un cappello architetturale che attraverso l’uso di micro-servizi andava ad agevolare il flusso dati proveniente dalle varie applicazioni presenti in azienda e dai macchinari con l’uso di gateway che collegati in rete si interfacciavano con i protocolli presenti a bordo macchina.

Investimento sostenuto
€ 100.000,00

Risultati ottenuti
Sistema stabile in produzione e dal momento del suo lancio non ha mai evidenziato problematiche.Il prodotto in esame ha ottenuto un ampio riscontro sul mercato. Il Cliente sta progettando attualmente la fase successiva, per l’estensione della soluzione agli altri stabilimenti.

Case Study

MadLab

Settore e dimensioni aziendali:
AZIENDA DI PRODUZIONE METALMECCANICO – MACCHINE MOVIMENTO TERRA
Sede Italia – zona Modena
Fatturato > 200 mln
ERP: IBM AS400

Intervento attuato:
– Installazione e personalizzazione del WMS (Warehouse Management System) EasyStock
– Implementazione interfacce di scambio dati con ERP aziendale
– Integrazione per il governo dei magazzini automatici presenti in azienda a marchio Modula e Scali
– Implementazione gestione di tutti flussi logistici in tempo reale tramite sistema in radiofrequenza
– Asservimento materiali delle postazioni di linea in produzione
Magazzini coinvolti: magazzino di produzione, materie prime e pre assemblati; magazzino remoto ricambi; magazzino conto terzi.
Utenti: 55 operatori con terminali industriali in radiofrequenza e 40 operatori con postazioni cablate.

Investimento sostenuto
€ 120.000,00

Risultati ottenuti
– Tracciabilità e rintracciabilità di tutti i flussi fisici ed informativi
– Affidabilità delle giacenze di magazzino al 99%
– Flussi logistici indipendenti dalla memoria storica degli addetti
– Rapido apprendimento del sistema che permette un facile impiego di personale interinale
– Utilizzo di liste cartacee ridotto a zero

Case Study

Econ Energy

Settore di applicazione:
AZIENDA DI PRODUZIONE METALMECCANICO AUTOMOTIVE

Intervento attuato:
Installazione di sistema di acquisizione dati di consumo energetico in n. 2 stabilimenti produttivi.

Investimento sostenuto
€ 80.000,00

Risultati ottenuti
Riduzione dei consumi annui del 7% attraverso attività di monitoring dei dati di consumo e conseguente politica di intervento in tempo reale su derive degli stessi. Attività di gestione degli investimenti in termini di tecnologia attraverso l’analisi precisa dei benefici in ambito energetico e gestionale della produzione.

Case Study - Rossimoda SpA

ITReview

Settore e dimensioni aziendali
ROSSIMODA SpA segue la ricerca, lo sviluppo e la produzione delle calzature da donna per Céline, Givenchy, Emilio Pucci e Nicholas Kirkwood, avendo il completo controllo di tutte le fasi del processo produttivo, a garanzia della massima riservatezza.

Intervento attuato
Ottimizzazione della tecnologia negli ambiti aziendali Industrial Controlling, Utenti di Sviluppo Prodotto e Ufficio Acquisti, con introduzione di un tool di Business Intelligence.

In Rossimoda, alla fine del 2016, non erano presenti strumenti di Business Intelligence ed era necessario adeguare l’innovazione tecnologica in tutta l’organizzazione. Non era presente un datawarehouse e l’accesso ai dati era possibile esclusivamente con excel tramite query e tabelle pivot. Nel contempo, si stava valutando l’idea di cambiare sistema ERP, per cui l’esigenza era quella di accedere ai dati più velocemente ed in maniera più strutturata, costruendo report e analisi che sarebbero dovute restare attive anche dopo il cambio di sistema. La volontà era inoltre quella di non creare un datawarehouse tradizionale.
Infine, era necessaria una tecnologia che permettesse l‘accesso ai dati da device in mobilità e da tablet nei reparti produttivi.
Gli esperti si sono concentrati sui dati, aiutando anche a identificare i KPI per saperli interpretare.

Investimento sostenuto
€ 30.000,00

Risultati ottenuti
Il risultato è stata una Business Intelligence di facile e intuitiva gestione (Analisi, Alert, Trend, Discovery sulle informazione, velocità nell’ottenere le risposte).
 

Case Study

Contec Industry

Settore e dimensioni aziendali
Azienda multinazionale meccanica: produzione  assali e componenti per autotrazione

Intervento attuato
Fornitura di un sistema di governo delle singole apparecchiature  adibite alla sicurezza distribuite nelle varie aree d’impianto in modo da:
Gestire in modo centralizzato le singole forniture distribuite, gestire il controllo accessi,
visualizzare quali sono le aree interessate da accessi di operatori, storicizzare e visualizzare a ritroso chi ha abilitato l’accesso alle  varie aree pericolose attraverso l’implementazione software della norma CFR Part 11 & EU 178/200. Gestire la comunicazione con il PLC di comando e controllo della  linea, fornitura di interventi meccanici e di automazione sulla linea complessa per la gestione di tutte le macchine e le interfacce uomo macchina. Marcatura CE a nome Contec Industry dell’insieme di macchine.

Risultati ottenuti
Con gli interventi effettuati è stato possibile marcare CE l’insieme  di macchine in oggetto garantendo il soddisfacimento del quinto requisito della Circolare 4/E (macchina a norma) e beneficiando  quindi dell’iperammortamento su tutti i lavori hardware, software e di progettazione realizzati.

Case Study

Accelway

Settore e dimensioni aziendali
AZIENDA AUTOMOTIVE PRODUTTRICE DI MOTORI E MOTORIDUTTORI PER MOVIMENTAZIONE SEDILE E ALZAVETRO

Intervento attuato
Applicazione del modello Accelway, di cui è proprietaria, tramite installazione del software gestionale nel server aziendale, caricamento documentazione di omologazione prodotto su circa 900 codici, creazione piani di controllo web su circa 340 codici, attivazione credenziali di accesso ai fornitori coinvolti con coinvolgimento degli stessi tramite attività di training, attività di audit in accordo agli standard vda6.3 o in accordo ai customers specific requirements.

Investimento sostenuto
€ 90.000,00 finanziabile, in parte, con fondi interprofessionali e ritorno anche con la riduzione dei premi assicurativi.

Risultati ottenuti
Con l’attività estesa a 12 fornitori strategici che occupano rispettivamente il 60% dell’acquistato, i risultati sono tradotti in:
– una persona in meno in accettazione dell’azienda cliente
– abbattimento del 41% del numero di non conformità sulle parti fornite dai 12 fornitori (circa 2 punti OEE)
– migliorata la tracciabilità delle parti fornite
– modello certificabile da parte di un organismo di certificazione terzo

Case Study - Servizio sAPics

Qantica

Settore e dimensioni aziendali
Azienda metalmeccanica – lavorazione meccanica di precisione aeronautico, oil&gas
Fatturato > 50 mln e oltre 250 addetti
ERP: SAP ECC

Intervento attuato
Progettazione e implementazione di due nuovi processi basati sulle best practices APICS: il processo di Sales & Operations (S&OP) e il processo di Manufactory Planning and Control (MPS), al fine di consentire di pianificare sul medio lungo termine alcune risorse critiche identificate nei componenti a lungo lead time (gli acciai e i forgiati):
• Aumento dell’accuracy delle previsione delle vendite. Grazie al passaggio da una previsione per singolo codice ad una previsione organizzata per famiglia e sottofamiglia di prodotti finiti
• Implementazione della convalida del Production Plan – risultante dal processo di S&OP –  attraverso l’analisi della capacità per macro-centro di lavoro
• Miglioramento della pianificazione nel medio lungo termine delle materie prime a lungo lead time

Investimento sostenuto
15.000,00 €

Risultati ottenuti
Riduzione del 30% dei casi di rotture di stock e conseguente miglioramento del rispetto delle date di consegna ai clienti.

Case Study - RECARLO S.p.A. - Valenza AL

Pluriconsult

Settore e dimensioni aziendali
ORAFO e MATERIALI PREZIOSI – Lavorazione dell’oro, creazione di gioielli, distribuzione oro, gioielli, materiali preziosi

Intervento attuato
Fase 1: Macro Analisi dei processi organizzativi, gestionali, operativi, logistici
Micro Analisi delle esigenze software, funzionali ed applicative, standard e personalizzate, dell’ERP Microsoft Dynamic NAV. Micro Analisi delle probabili esigenze software suggerite dai consulenti, oggi non richieste da Recarlo, ma che emergeranno velocemente.
Analisi delle infrastrutture tecniche e tecnologiche. Redazione del documento dei requisiti funzionali ( DRF ). Confronto a tutto campo fra i consulenti, la direzione e le persone di riferimento sul DRF, al fine di apportare le modifiche richieste e confermare il DRF, che sarà la guida e la base del progetto informatico-organizzativo. Incontri a livello tecnico, applicativo, organizzativo, economico fra i consulenti, la Software House, la direzione ed i responsabili dei vari settori di Recarlo, per l’avvio del progetto e per definire le tempistiche delle verifiche periodiche sugli obiettivi concordati.
Fase 2: Pieno supporto partecipativo, durante tutte le varie fasi di implementazione e sviluppo dell’ERP. Formazione e cessione di know-how, dai consulenti alle persone referenti. Verifiche, test e prove sulle funzionalità abilitate. Chiusura progetto ERP, Go-live e verifiche della piena operatività. Verifiche e pieno supporto, fino a due mesi post Go-live, sulla piena applicazione delle nuove metodologie, organizzazioni ed operatività.

Investimento sostenuto
Circa € 250.000,00

Risultati ottenuti
Miglioramento complessivo della gestione dell’azienda, concreta e visibile crescita professionale delle persone di riferimento, che si traduce in un forte miglioramento operativo, una concreta riduzione dei costi, una maggior soddisfazione dei Clienti, una immediata disponibilità di dati e informazioni, una utilissima autonomia e indipendenza dai consulenti esterni.

Case Study

4effe.it

Settore e dimensioni aziendali
Start up innovative – settore servizi tecnologici avanzati

Intervento attuato
L’intervento ha permesso di accedere a un finanziamento a fondo perduto di un bando della Regione Veneto – “Por Fesr 2017 “- come sostegno alla creazione e al consolidamento di start up innovative”.

Investimento sostenuto
€ 200.000,00
Utilizzo della somma per investimenti materiali e immateriali necessari allo sviluppo della start up e per un progressivo processo di digitalizzazione delle funzioni aziendali e del servizio offerto agli utenti finali.

Risultati ottenuti
Finanziamento a fondo perduto di 140.000 € da parte della Regione Veneto per la realizzazione delle attività previste.

Sei interessato ad approfondire l'argomento?

Lasciaci il tuo indirizzo e-mail

Digital for Industry Srl partita IVA 05086100285 © 2017. All rights reserved.